La storia del quartiere

 

La Rustica è un territorio di altissimo interesse archeologico.

Con la realizzazione...

 dell'autostrada per L'Aquila erano venuti alla luce i resti di un insediamento protostorico, con adiacente necropoli, risalente addirittura all'ottavo secolo prima di Cristo: l'antica Caenina, la leggendaria città del "ratto delle sabine"che con le consorelle Crustumeria ed Antenne subì fatalmente l'impatto tremendo della sempre più invadente presenza espansionistica di Roma. Lo svolgersi quasi trimillenario delle vicende del territorio della Rustica, i cui confini storici sono fissati a nord dal percorso dell'Aniene, a sud dall'attuale via Collatina, ad ovest dalla via di Tor Cervara e ad est dall'ex tenuta di Salone, può suddividersi, quindi, in quattro distinti cicli ciascuno con inizio ben collocabile in un preciso momento.

  • Il primo, il "fiat" e l'"incipit" di tutte le vicende successive, possiamo collocarlo nell'ottavo secolo prima di Cristo (il tempo della fondazione di Roma) con l'insediamento in prossimità del fiume di una colonia di pastori-coltivatori-guerrieri di stirpe latina (reatini, tiburtini, sublacensi, aquilani e umbro-piceni);
  • il secondo con la costituzione, nell'anno 1217 dell'era attuale, del feudo della famiglia de Rusticis;
  • il terzo con l'acquisto, nel 1660, di tale feudo, o tenuta, da parte dei Principi Borghese;
  • l'ultimo con la vendita, nel 1992, di gran parte della tenuta stessa (218 ettari su circa 225) alla Cooperativa "Campi e Orti Famigliari" costituita per la massima parte da ex combattenti della Grande Guerra.

 

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to Twitter